Gateway Keyvisual

Collaboratore/trice nella cooperazione internazionale

rappresentare, sviluppare, progettare, sostenere, gestire, comunicare

Collaboratore/trice nella cooperazione internazionale
Scaricare il ritratto professionale completo

Descrizione

I collaboratori e le collaboratrici nella cooperazione internazionale lavorano per lo più per la Direzione dello sviluppo e della cooperazione (DSC). Qui attuano coscienziosamente la politica estera del Consiglio federale in materia di aiuto umanitario, cooperazione allo sviluppo e cooperazione con l'Europa orientale.

I collaboratori e le collaboratrici svolgono attività di aiuto umanitario o di sviluppo e sono impiegati in un'ampia gamma di settori specialistici: tecnologia e costruzioni, sanità, agricoltura e silvicoltura, istruzione, economia, approvvigionamento idrico, ecc. Rappresentano sempre gli interessi e i valori della Svizzera nei negoziati bilaterali e multilaterali su questioni legate allo sviluppo.

Costruiscono reti regionali, nazionali e globali e mantengono il dialogo. Analizzano i bisogni nutrizionali nelle aree di guerra e disastrate o nei campi profughi e organizzano la distribuzione e gli aiuti di emergenza. Elaborano strategie e programmi di cooperazione nel campo della cooperazione allo sviluppo e degli aiuti umanitari e li attuano.

Cosa e per cosa?

  • Affinché nelle aree di crisi siano disponibili rifugi di emergenza, acqua potabile, cibo e strutture sanitarie, il collaboratore nella cooperazione internazionale organizza il trasporto di persone e merci e sostiene le infrastrutture.
  • Affinché la democrazia si rafforzi in un Paese emergente o in via di sviluppo, la collaboratrice nella cooperazione internazionale contribuisce in modo mirato e aiuta a garantire una governance trasparente ed efficace.
  • Affinché il prodotto interno lordo di un Paese in via di sviluppo aumenti, il collaboratore nella cooperazione internazionale stabilisce metodi di coltivazione agricola che rispettano l'ambiente.
  • Affinché le imprese di un Paese emergente diventino competitive, la collaboratrice nella cooperazione internazionale presta attenzione alla sostenibilità delle catene del valore, ai metodi di produzione rispettosi dell'ambiente e a condizioni di lavoro eque.

Fatti

Ammissione
Cittadinanza svizzera (è consentito essere titolari di più cittadinanze) e casellario giudiziale svizzero pulito.

Master di un’università o una scuola universitaria professionale svizzera (o formazione universitaria equivalente all’estero certificata dal riconoscimento Swiss ENIC).

Conoscenza di livello C1 di due lingue ufficiali e dell’inglese.

Concorso: non più di 30 anni. Auspicabili esperienze professionali pregresse, di cui almeno una all’estero di minimo 6 mesi nel settore della cooperazione internazionale.

Reclutamento individuale in base alle esigenze di personale del Dipartimento: A partire da 31 anni. È richiesta una solida esperienza professionale e/o di direzione.
Formazione
In genere 15 mesi: 2 mesi di corso teorico a Berna e online; 12 mesi di formazione pratica nella rete esterna e/o presso la sede centrale di Berna; corso teorico di un mese con un colloquio finale presso la commissione di ammissione a Berna.
Aspetti positivi
La cooperazione mira a combattere la povertà, a promuovere lo sviluppo sostenibile, la pace e i diritti umani. Il personale della DSC è interessato alle sfide globali e alle conseguenti questioni umanitarie.
Aspetti negativi
Il personale trasferibile della DSC è soggetto all’obbligo di trasferimento, pertanto, nell’esercizio delle proprie funzioni, è tenuto per contratto a cambiare luogo di impiego ogni tre o quattro anni.
Lavoro quotidiano
Le condizioni di lavoro variano a seconda del Paese, dell'organizzazione e dell'incarico. I collaboratori e le collaboratrici nella cooperazione internazionale (DSC) elaborano e attuano programmi e progetti a vari livelli e in collaborazione con diverse organizzazioni. Nelle aree di crisi, spesso non è possibile portare con sé coniugi e figli.

TOP 10 richiesto

Sono anche importanti: Approccio interdisciplinare al lavoro, iniziativa e disponibilità all'apprendimento, adattabilità e resistenza allo stress, pragmatismo e capacità di lavorare in modo costruttivo, intelligenza emotiva, competenze sociali, coscienziosità e forte impegno professionale, pensiero critico, capacità di assumere prospettive diverse, disponibilità ad accettare cambiamenti di sede, soprattutto in ambienti problematici.

importante
importante
indispensabile
indispensabile
molto importante
indispensabile
molto importante
molto importante
indispensabile
importante

Percorsi di carriera: Collaboratore/trice nella cooperazione internazionale

Approfondimento nella propria professione e tramite viaggi, lingue straniere.

Responsabile di progetto o di programma, responsabile della cooperazione internazionale, responsabile di una sezione della DSC

Candidato/a al percorso di carriera Cooperazione internazionale

Collaboratore/trice nella cooperazione internazionale

Laurea presso un'università svizzera, una scuola universitaria professionale o formazione equivalente (vedi ammissione)

Scaricare il ritratto professionale completo