Gateway Keyvisual

Guardiano/a di animali AFC

pulire, nutrire, dare da bere, osservare, curare, allevare

Guardiano/a di animali AFC
Scaricare il ritratto professionale completo

Descrizione

Gli animali sono un prestito dalla natura per il quale noi umani ci prendiamo la responsabilità. A prescindere dal posto di lavoro, i guardiani e le guardiane di animali devono conoscere le esigenze e i bisogni degli animali loro affidati. Osservano e sorvegliano gli animali, sanno cogliere i cambiamenti nel loro comportamento, aspetto o stato di salute e prendono immediatamente le misure idonee a risolvere eventuali problemi.

Nutrono e abbeverano gli animali, li curano, provvedono alla loro pulizia e igiene, spazzolano e lavano con cura il pelo, tagliano gli artigli, fornendo loro tutte le attenzioni necessarie. Curano gli animali ammalati secondo le indicazioni del veterinario. Una gran parte della loro attività comprende comunque lavori di pulizia: puliscono e disinfettano gabbie, recinti, stalle e box, forniscono il fieno agli animali e cambiano lo strame.

I guardiani e le guardiane di animali si occupano anche degli impianti e delle installazioni. Nei negozi specializzati nel commercio di animali, negli allevamenti, nei rifugi, nelle pensioni per animali e negli zoo hanno inoltre contatto con il pubblico al quale possono fornire informazioni dettagliate. Visto che gli animali devono essere accuditi sette giorni su sette e spesso anche di notte, il loro orario di lavoro può essere più o meno irregolare.

Indirizzi professionali

I guardiani e le guardiane di animali dell’indirizzo professionale “Animali da compagnia” si occupano della cura di animali presso ospizi per animali, cliniche veterinarie per piccoli animali, allevamenti di animali da compagnia o in saloni di estetica per cani o per gatti. Essi si occupano soprattutto di cani, gatti e piccoli animali (porcellini d’India, criceti, conigli e uccelli). Nutrono e abbeverano, curano e puliscono gli animali, tagliano o sfoltiscono il loro pelame e tagliano i loro artigli. Negli ospizi curano gli animali residenti, sia gli ospiti passeggeri che soggiornano lì poiché i loro padroni sono in vacanza, sia i trovatelli. Negli allevamenti si occupano dello svezzamento dei cuccioli di cane o di gatto. Nei saloni di estetica si occupano della cura della pelle, del pelo, delle orecchie, delle zampe e degli artigli degli animali. I guardiani e le guardiane di animali hanno contatti diretti con la clientela e le offrono la loro consulenza specializzata.
I guardiani e le guardiane di animali dell’indirizzo professionale “Animali da laboratorio” si occupano degli animali ospitati nei laboratori di ricerca di istituti specializzati. Curano e allevano soprattutto topi, ratti, rane o pesci, in parte anche cani, gatti e scimmie. Essi preparano gli animali sottoposti a prove di laboratorio e lavorano accanto a ricercatori e a scienziati. Gli specialisti in questo ramo conoscono i vari metodi di allevamento, si attengono scrupolosamente alle disposizioni in materia di igiene e di modalità di lavoro e sono in grado di eseguire autonomamente singoli esperimenti su animali. Si occupano però prevalentemente della cura e dei lavori di pulizia: disinfettano le gabbie e gli spazi recintati e provvedono a foraggiare e abbeverare con acqua fresca gli animali. Eseguono inoltre la manutenzione e cura degli apparecchi e degli impianti in dotazione.
I guardiani e le guardiane di animali dell’indirizzo professionale “Animali selvatici” si occupano della cura degli animali presso parchi naturali, parchi per animali, giardini zoologici e circhi. Spesso lavorano in un unico reparto o sono responsabili di una determinata specie di animali, quali ad esempio mammiferi, uccelli, anfibi, rettili o anche pesci. Essi controllano che le aree recintate siano conformi e che gli animali vi possano vivere nelle migliori condizioni possibili. Per una gran parte del loro tempo, i guardiani sono attivi nel foraggiamento del cibo agli animali e nella pulizia dei recinti. Inoltre, fanno di tutto per rendere accogliente l’habitat degli animali, facendo in modo che questi ultimi possano beneficiare di momenti di contatto sociale, di possibilità sufficienti di movimento e di tranquillità. Essi beneficiano di una formazione specifica casomai debbano occuparsi di animali velenosi o pericolosi. Informano inoltre i visitatori e le visitatrici sulle caratteristiche delle varie specie di animali presenti.

Cosa e per cosa?

  • Affinché eventuali agenti patogeni non infettino gli animali, il guardiano di animali pulisce e disinfetta regolarmente i recinti, le stanze, ecc.
  • Affinché un animale ferito si riprenda rapidamente, la guardiana di animali disinfetta la ferita, cambia la fascia quando è necessario e la cura con attenzione.
  • Affinché i proprietari di cani e gatti possano andare in vacanza senza preoccupazioni, il guardiano di animali si prende cura degli animali durante questo periodo nel rifugio.
  • Affinché il comportamento degli animali possa essere studiato, la guardiana di animali osserva costantemente gli animali da laboratorio e annota ogni particolarità.
  • Affinché gli animali selvatici di altri paesi si sentano a loro agio nello zoo o nel parco naturale, il guardiano di animali adatta i recinti alle loro esigenze.
  • Affinché i cani siano ben curati, la guardiana di animali fa loro il bagno nel salone, asciuga e pulisce il loro pelo, pulisce le orecchie e i denti, e dà dei consigli ai proprietari sulla cura a casa.

Fatti

Ammissione
Assolvimento della scolarità obbligatoria, livello medio o superiore. Prima di impegnarsi in questa professione si consiglia di svolgere un adeguato periodo di stage, poiché spesso la professione viene idealizzata. Alcuni giardini zoologici o parchi richiedono preliminarmente l’assolvimento di un tirocinio come, per esempio, giardiniere o falegname.
Formazione
Formazione professionale di base di 3 anni, 2 dei quali di formazione generale e 1 nell’indirizzo specifico di formazione.

Frequenza della scuola professionale e dei corsi interaziendali che completano la formazione teorica e pratica. Esistono pochi posti di formazione.
Adulti con esperienza professionale nella cura degli animali possono seguire una formazione abbreviata e sostenere gli esami di fine tirocinio.
Aspetti positivi
I guardiani e le guardiane di animali stabiliscono un rapporto di fiducia con gli animali. Chi ama gli animali troverà grande soddisfazione in questa professione.
Aspetti negativi
Poiché gli animali devono essere curati per sette giorni alla settimana e a volte 24 ore su 24, gli orari di lavoro sono di solito più o meno irregolari.
Lavoro quotidiano
Nella cura degli animali si costruiscono relazioni appaganti. Tuttavia, il lavoro è anche estenuante e va oltre l'occasionale gioco e l'alimentazione degli animali. È necessario essere in grado di avere una presa salda, sia che si tratti della manutenzione degli stabulari, della pulizia dei ripari o della cura degli animali.

TOP 10 richiesto

molto importante
importante
indispensabile
molto importante
importante
importante
indispensabile
indispensabile
molto importante
indispensabile

Percorsi di carriera: Guardiano/a di animali AFC

Corsi di aggiornamento proposti dalle associazioni, dalle società di protezione animali e dai servizi di veterinaria. Avanzamento presso giardini zoologici: capo/a guardiano/a, direttore/trice.

Gestione in proprio di una pensione per animali o di un salone per cani e gatti

Bachelor of Science FH in agronomia – Bestiame o scienze equine

Zootecnico/a, maestro/a guardiano/a per animali (formazione in Germania, Francia o Paesi Bassi)

Addestratore/trice di proprietari di animali (attestato)

Estetista per cani (diploma di associazione privata)

Guardiano/a di animali AFC

Scuola elementare completata

Scaricare il ritratto professionale completo