Gateway Keyvisual

Supervisore/a

analizzare, sostenere, accompagnare, consigliare, mediare, riflettere

Supervisore/a
Scaricare il ritratto professionale completo

Che cosa fa un/una supervisore/a?

Il termine «supervisore» è composto da «super» (sopra) e «visor» (vedere/osservare). I supervisori e le supervisore assumono quindi una posizione esterna e possono avere una visione completa di ciò che accade.

Di solito, la prima cosa che i professionisti fanno è ascoltare i problemi dei partecipanti. Questo può avvenire in privato, ma anche in gruppo o in équipe. Poi, sulla base di queste discussioni, elaborano una soluzione che possa eliminare i problemi. In altre parole, sostengono le persone che si avvalgono della supervisione nell'affrontare compiti professionali difficili. Nel ruolo di consulenti, i supervisori accompagnano i loro clienti per diverse sessioni. Si mettono d'accordo insieme sugli obiettivi, discutono i singoli passi e se gli obiettivi sono stati finalmente raggiunti.

Gli argomenti variano a seconda della forma di supervisione e dell'ambiente di lavoro. Ma per i clienti si tratta sempre di riflettere sul proprio comportamento e di trarne conclusioni, di ampliare le proprie competenze professionali e psicosociali, di rendere trasparenti le strutture di potere e di agire di conseguenza, o di comprendere le dinamiche relazionali nei confronti delle persone affidate e di mantenere la distanza e l'indipendenza nei loro confronti.

Cosa e per cosa?

  • Affinché il collaboratore che sente di non potersi sviluppare adeguatamente sul lavoro possa chiarire i suoi obiettivi di sviluppo personale, il supervisore lo consiglia nel contesto della supervisione individuale.
  • Affinché un gruppo lavori meglio insieme, la supervisora illumina le strutture, la distribuzione dei compiti, i conflitti e il comportamento comunicativo o modera i processi di cambiamento nell'ambito di una supervisione del team.
  • Affinché l'assistente sociale incaricata di un caso difficile possa chiarire il suo ruolo e la sua funzione, il supervisore riflette con lei sulle dinamiche della relazione con il cliente e la aiuta a mettere in discussione le sue azioni nell'ambito della supervisione del caso.
  • Affinché un gruppo elabori e realizzi un progetto comune in un campo di lavoro specifico, la supervisora lo accompagna nell'ambito della supervisione di gruppo.

Fatti

Ammissione
Varia a seconda dell'ente di formazione, di solito: formazione professionale qualificata o diploma universitario, diploma universitario di scienze applicate o diploma di istituto tecnico superiore. Di solito 5 anni di pratica ed esperienza professionale nel lavoro con gli adulti. Prova di almeno 30 ore di supervisione nel ruolo di supervisore. Durante la formazione deve esserci la possibilità di acquisire la pratica di supervisione.
Formazione
2-3 anni e mezzo di formazione modulare parallela alla professione. A seconda del corso, solo supervisione o in combinazione con consulenza organizzativa/sviluppo e/o coaching.
Aspetti positivi
I supervisori e le supervisore sono sempre presenti per fornire supporto quando qualcuno ha problemi sul lavoro, sorgono conflitti o la salute è a rischio sul posto di lavoro.
Aspetti negativi
Non è sempre facile prendere le distanze e lasciare i problemi che si devono affrontare sul posto di lavoro quando si torna a casa la sera.
Buono a sapersi
I supervisori e le supervisore lavorano spesso come freelance per le aziende, più raramente sono direttamente assunti da un'azienda. Le loro competenze sono utilizzate soprattutto nelle professioni sociali. Nel frattempo, però, si registra anche la tendenza a richiedere sempre più supervisori nel settore privato.

TOP 10 richiesto

molto importante
molto importante
indispensabile
molto importante
indispensabile
importante
indispensabile
importante
indispensabile
importante

Percorsi di carriera: Supervisore/a

Riconoscimento BSO: i singoli possono diventare membri dell'associazione e sono quindi autorizzati a utilizzare il titolo professionale BSO (marchio registrato). Il riconoscimento obbliga a uno sviluppo professionale permanente, all'adesione a tutti i principi etici professionali, alla partecipazione regolare a un gruppo di intervisione e all'attuazione dell'incontro sullo sviluppo della qualità in un ciclo di 3 anni. Gli istituti di formazione, le organizzazioni di settore, i college e le università offrono vari corsi, seminari e altri eventi per la formazione continua. Formazione continua attraverso la letteratura professionale.

Psicologo/a SUP, assistente sociale SUP (Bachelor)

Supervisore-Coach EPS (diploma federale)

Supervisore/a

Attestato federale capacità (AFC), studio universitario o titolo equivalente (vedi ammissione)

Scaricare il ritratto professionale completo